Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, per mostrarti pubblicità in linea con le tue preferenze e migliorare la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.

panoramica

Avìa n'aceddu

Quannu eu mi maritavi

unn'avennu picciutteddu

a me mogghi ci purtavi

una gargia cu n'aceddu.

 

Me mugghieri, maritata,

comu vitti st'armaluzzu

mi dicìa tutta priata:

ma che beddu st'acidduzzu!

 

E mi piaci ch'è precisu,

lu senti sempri cantari,

si manteni lisciu e tisu,

sempri va a pizzuliari.

 

Ninu, dici, quannu è arrassu

mettimillu nni la stanza

picchì pensu chi è lu spassu

di la nostra picciuttanza.

 

Quannu iddu svulazzìa

nni la gargia a nacaìola

mancia, mancia, ci dicìa

nun ti manca la scagghiola.

 

Quannu era a svulazziari

nni la gargia susu e jusu

nun lintava di cantari

e jucava murritiusu.

 

Me mugghieri dici è beddu,

lu so' cantu a tutti piaci

li prudizzi di ss'aceddu

su' pi nui amuri e paci.

 

Mentri poi passau l'età

e nun pensu comu fu,

l'armaluzzu s'invecchià'

e cantari un vosi cchiù.

 

Quannu pensu ass'acidduzzu

ch'è patutu di tant'anni,

prima era un cardidduzzu

ora pari un varvagianni!

 

Me mugghieri avissi a diri

li prudizzi di ss'aceddu

ci pensa e fa suspiri

picchì ora è vicchiareddu.

 

Lu talìa arripuddutu,

ni la gargia sta a la gnuni

e mi pari scamusciutu

comu fussi uu passuluni.

 

Pi avillu a lu me' latu

mi lu misi ni l'arcova

e sta sempri accuvacciatu

comu ciocca ncapu l'ova.

 

E FINENNU DICU SCUSA
A CU DICI UNN'E' PULITA,

SOCCU DISSI LA ME MUSA

E' LU GIRU DI LA VITA!!!

 

Questi versi mi sono stati riferiti dal Prof. Marsala, vitese che insegnò ed abitò per molti anni ad Alcamo.

Share

 

Appuntamenti

Ottobre 2021
LunMarMerGioVenSabDom
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031