Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, per mostrarti pubblicità in linea con le tue preferenze e migliorare la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.

panoramica

Li vicchiareddi (I vecchietti)

Li vicchiareddi mi fannu simpatia

(I vecchietti mi fanno simpatia)

picchì ànnu tanta saggizza antica

(perchè hanno tanta saggezza antica)

tra iddi stessi si fannu cumpagnìa

(tra loro stessi si fanno compagnia)

ora chi pi l'età chiù nun si fatica.

(ora che per motivi d'età non lavorano più)

 

A lu circulu stannu assittati

(stanno seduti al circolo)

e, parlannu di li tempi antichi,

(e, parlando dei tempi passati,)

talìanu li fimmini shetti e maritati

(guardano le signorine e le signore)

cu li cosci di fora e puru li viddichi

(con le cosce nude e l'ombelico in mostra)

 

A li mé tempi, dici lu zù Cola,

(Ai miei tempi, dice lo Zio Nicola)

taliannu fissu e suspirannu assai,

(guardando fisso e sospirando assai)

a me mogghi mancu sutta li linzola

(a mia moglie neanche sotto le lenzuola)

nura accussì la vitti mai!

(l'ho vista così nuda!)

 

E chi à diri eu, rispunni lu zù Turi,

(E cosa debbo dire io, risponde lo Zio Salvatore)

chi vitti fimmina quanni ivi surdatu

(che ho conosciuto donna quando andai militare)

prima 'mezzu a li stenti e li furturi

(prima in mezzo a stenti e freddo)

assemi a li pecuri chi avìa vardatu!

(assieme alle pecore che accudivo!)

 

A stu puntu si ntrometti don Cicciu:

(A questo punto interviene don Ciccio:)

mi pari chi a lu solitu semu,

(mi pare che siamo alle solite,)

lu vastuni lu purtati pi capricciu?

(il bastone lo portate per capriccio?)

lu discursu è megghiu chi lu chiuremu!

(e meglio chiudere quì il discorso.)

 

Nautru argomentu di conversazioni

(Un altro argomento di conversazione)

chi attira l'interessi di tutti

(che attira l'interesse di tutti)

è quannu si parla di penzioni

(è quando si parla di pensioni)

e si prospettanu tempi brutti.

(e si prospettano tempi brutti.)

 

Si la scutta cu niautri ssù guvernu,

(Se la prende con noi il governo,) 

dici Giuvanni russu comu un pipareddu

(dice Giovanni rosso come un peperone)

a l'onorevoli li mmittissi a lu nfernu

(metterei gli onorevoli all'inferno)

o a na' macina pi firriari a turneddu!

(o a girare intorno a una macina!) (1)

 

Picciotti, sapiti chi vi dicu,

(Tono ironico) Giovani, sapete che vi dicu,

don Cicciu torna a replicari,

(riprende a parlare don Ciccio,)

stamatina mi manciavi quattru ficu

(stamane ho mangiato quattro fichi,)

futtemuninni e ... pinzamu a campari!

(freghiamocene e....pensiamo a restare vivi!)

 

isidoro spanò

 

(1) macina = mola di grosse dimensioni che veniva usata per molire i cereali ma anche le olive.

Di solito trainata da muli o asini e che quì, nella foga del discorso, "Giovanni" vorrebbe far trainare ai nostri onorevoli.

Nota dell'autore: E' del tutto evidente che i nomi inseriti tra i versi sono di pura fantasia e non riferibili a persone esistenti o esistite.

La morale dei versi è rappresentata dagli interventi di "don Cicciu": nel primo, riporta i colleghi alla realtà propria dell'età raggiunta; nel secondo, li invita ad accontentarsi di piccole cose e di curarsi meno delle ambasce del tempo presente.

Share

 

Appuntamenti

Ottobre 2019
LunMarMerGioVenSabDom
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031