Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, per mostrarti pubblicità in linea con le tue preferenze e migliorare la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.

panoramica

Lu sceccu chi è nzignatu a li ficari, lu vizio si lu leva quannu mori

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

L'asino che è abituato a mangiare fichi, il vizio se lo toglie quando muore.

Il detto significa che è difficile (quasi impossibile nel senso letterale) togliere un vizio. Infatti, se l'asino si abitua a mangiare il dolce frutto dell'albero dei fichi, si può essere certi che appena ne avrà la possibilità tenterà di rifarlo e a nulla varranno i tentativi del padrone di tenerlo lontano.

A Vita, al "Circolo di li ricchi", era spesso ripetuto da Pietro Simone (più comunemente noto come Pitrinu Marginu) che il più delle volte lo diceva riferendolo a se stesso. Infatti, con autoironia, riconosceva la sua debolezza nei confronti del gioco con le carte o al biliardo.

E' stato certamente un personaggio e attorno al tavolo da gioco o attorno al biliardo si raccoglieva un gruppetto di giovani (ero tra questi) attenti alle sue battute.

Trasferitosi per motivi familiari vicino Roma, tornava sempre molto volentieri a Vita; Sia per stare un pò in compagnia della sorella (la mitica "Donna Vannuzza") sia per un tuffo tra i vecchi amici con i quali, manco a dirlo, ricominciava a giocare. 

Va detto (per chi non lo ha conosciuto) che è stato "un personaggio" anche in altri campi: è stato Vice-Sindaco del comune di Vita; ha gestito un impianto di rifornimento di benzina (in Via Dei Mille); in società con "Vitinu Musso", "Don Vitinu Renda" e "Don Pippinu Internicola", ha realizzato un impianto per la lavorazione del cotone che veniva coltivato con soddisfacenti risultati economici negli anni '60.

Share

 

Appuntamenti

Ottobre 2019
LunMarMerGioVenSabDom
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031