Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti, per mostrarti pubblicità in linea con le tue preferenze e migliorare la tua esperienza di navigazione.
Continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.

panoramica

Austu vitaloru - Agosto Vitese

Si sona, si canta, s'abballa!

si mancia, si riri e si gira,

tiatru, canzuni, si palla

cu amici e parenti ogni sira.

Si suona, si canta, si balla!

si mangia, si ride e si gira,

teatro, canzoni, si parla

con amici e parenti ogni sera.

 

 

La chiazza è china di genti,

c'è cauru e voli passiari.

Ognunu si senti cuntenti...

o forsi nun voli pinzari.

La piazza è piena di gente,

fa caldo e vuol passeggiare.

Ognuno si sente contento...

o forse non vuole pensare.

 

 

Simenza, nuciddi e gelati,

sasizza arrustuta e miluni,

nni parinu tempi scurdati

quannu si stava a la gnuni.

Sementa, noccioline e gelati,

salsiccia arrostita e melone,

ci sembrano tempi scordati

quando si stava in un angolino.

 

 

"E' tardu! ni nni emu a la casa?"

"Va bbè, turnamu n'atra sira."

Poi c'è l'abbrazza e lu vasa

e ognunu stancu s'arritira.

"E' tardi, ce ne andiamo a casa?"

"Va bene, torniamo un'altra sera"

Poi ci si abbraccia e bacia

e ognuno stanco si ritira.

 

 

Turnannu a la casa... ritorna

la pena e la nustalgia,

su tanti, tanti li jorna

chi s'agghiutti malincunia.

Tornando a casa... ritorna

la pena e la nostalgia,

son tanti tanti i giorni

che si inghiotte malinconia.

 

 

Nna figghia a studiari luntanu,

l'autru chi voli emigrari

si la sorti ci duna nna manu,

sapennusi puru adattari.

Una figlia a studiare lontano

e il maschio a cercare lavoro,

se la sorte gli dà una mano

sapendosi anche adattare.

 

 

Arristamu, li vecchi, n'paisi,

li picciotti vannu luntanu

spirannu di pigghiari li spisi,

pò tornanu... pallannu talianu.

Restiamo i vecchi in paese

i giovani vanno lontano

sperando di riprender le spese

poi tornano... parlando italiano.

 

 

"Paisi, ti piaci sta vita?

nun criu chi tu si cuntenti,

talii li tò figghi nsalita,

chi strincinu sempi li renti.

"Paese, ti piace questa vita?

non credo che tu sei contento.

Osservi i tuoi figli in salita

che stringono sempre i denti.

 

 

Pinzannu a lu tempu luntanu

la rabbia ti pigghia e suspiri,

futuru un nn'avemu a la manu

e nenti ti lu fa capiri."

Pensando al tempo lontano

la rabbia ti prende e sospiri

futuro non vedi alla mano

e niente te lo fa presagire.

 

 

Ch'era beddu lu tempu passatu,

quannu ogni famigghia era unita

e si strincia li figghi a lu latu.

Chidda si... chi era Vita!"

Com'era bello il tempo passato

quando ogni famiglia era unita

e si stringeva i figli vicino.

Quella si... che era Vita!

Maria Stabile

29/08/2011

Share

 

Appuntamenti

Novembre 2019
LunMarMerGioVenSabDom
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930